Categorie
Articoli

IPOCONDRIA

Il termine ipocondria è una forma clinica dei disturbi d’ansia caratterizzata dalla preoccupazione ingiustificata ed eccessiva nei confronti della propria o della altrui salute, con la convinzione che qualsiasi sintomo avvertito da un soggetto sia il segno di una patologia severa. Il segno caratteristico è l’osservazione ossessiva di sintomi oggettivi correlati con il proprio organismo (per esempio problemi gastrointestinali, palpitazioni cardiache o dolori muscolari) che impegnano il soggetto in un processo di ascolto e auto diagnosi continui che possono risultare anche fortemente debilitanti. Difatti, alcuni pazienti manifestano i sintomi tipici di un disturbo d’ansia conclamato quali pressione elevata, palpitazioni e stress fisico. Spesso, la preoccupazione permane anche dopo una valutazione medica in cui sia appurato che tali sintomi non indicano nessuna effettiva patologia, o comunque non una patologia abbastanza grave da giustificare il livello di ansia e paura dell’ipocondriaco.
Il trattamento è prevalentemente di tipo psicoterapie, con maggiori evidenze per la terapia cognitivo comportamentale. Si stima che fino al 5% della popolazione può soffrire del disturbo nel corso della vita.